Sanda Vantoni

CategoriaGiovane Volontario Europeo

Sanda Vantoni

Marocco

Condividi questa scheda:

Sanda Vantoni in Marocco con CEFA Onlus - Socio FOCSIV

Cittadina del mondo, Sanda ha sviluppato fin da giovanissima un forte legame con l’Africa, avendo trascorso tutta la sua infanzia viaggiando tra Sudan, Rwanda e Burundi. Dopo un’adolescenza trascorsa in Italia, Sanda ha intrapreso un percorso di studi che l’ha portata a formarsi come Sociologa delle Migrazioni, frequentando l’ Università in Belgio, Canada e successivamente, nell’ambito di un Master Erasmus Mundus, quelle d’Irlanda, Spagna e Olanda.

Legata a doppio filo alla tematica migratoria, di cui lei stessa è stata in prima persona protagonista per gran parte della sua vita, Sanda ha deciso di approcciarsi a questa tematica, oltre che dal punto di vista accademico, anche attraverso attività di volontariato e di militanza attiva nell’ambito dell’associazionismo no profit.

Parallelamente alla sua formazione professionale, infatti, Sanda non ha trascurato la sua vocazione umanitaria, compiendo attività di volontariato in Nepal e in Burundi, luogo a cui è particolarmente legata per le sue radici familiari.

Forte di queste esperienze e motivata dalla curiosità di vivere e lavorare in un paese che, per le sue peculiarità e contraddizioni si distingue dai vicini paesi subsahariani, Sanda ha deciso di cogliere l’opportunità offertale da CEFA e, da novembre 2017,  collabora con l’ONG bolognese nell’ambito del Servizio Civile Nazionale. Come? Ricoprendo il ruolo di assistente di progetto e della comunicazione per il Marocco, adoperandosi nel promuovere l’inclusione sociale e per garantire dignità e sostegno alla popolazione migrante in situazione di vulnerabilità, affinché vengano abbattuti i muri del razzismo e superati e destrutturati gli stereotipi religiosi e di genere.

Leggi l'articolo dedicato a Sanda su L'Eco di Bergamo "Da Sorisole al Marocco per prevenire i fondamentalismi".